A+ A-

Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati dei primi nove mesi del 2017

Margini in aumento trainati da crescita del traffico e efficienza
 
  • Traffico di rotta e di terminale in crescita rispettivamente del 3,3% e del 2,5% in termini di unità di servizio rispetto al 30 settembre 2016
  • Ricavi consolidati a 673 milioni di euro (+1,6% rispetto al 30 settembre 2016)
  • EBITDA consolidato a 230,5 milioni di euro (+10,8% rispetto al 30 settembre2016)
  • Utile netto consolidato a 89,6 milioni di euro (+ 27,3% rispetto al 30 settembre 2016)

Roma, 13 novembre 2017 – Il Consiglio di Amministrazione di ENAV S.p.A., riunitosi oggi sotto la presidenza di Roberto Scaramella, ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 30 settembre 2017.
 
L’Amministratore Delegato Roberta Neri ha dichiarato: Il terzo trimestre conferma il trend di crescita del traffico aereo sul nostro Paese. L’incremento è andato oltre le aspettative grazie anche allo sforzo tecnologico e operativo che ENAV ha messo in campo con progetti innovativi. Continuiamo a lavorare per attrarre traffico offrendo alle compagnie aeree un servizio di alta qualità.
I margini della Società sono in netta crescita a dimostrazione che il percorso di ottimizzazione dei processi e la focalizzazione sull’efficienza, delineati dal piano industriale, stanno dando i risultati attesi.
 
Nei primi nove mesi del 2017 ENAV ha registrato ottimi risultati dovuti sia al deciso aumento del traffico in termini di unità di servizio (una misura convenzionale ponderata che tiene conto del peso dell’aeromobile al decollo e, nel caso del traffico di rotta, anche della distanza percorsa dallo stesso), rilevato soprattutto nel corso del secondo e del terzo trimestre, che alle ottime performance gestionali incentrate sull’efficienza e sull’ottimizzazione dei processi tra le società del Gruppo, in linea con gli obiettivi del piano industriale.
 
Il traffico di rotta, in termini di unità di servizio, è aumentato del 3,3% rispetto al 30 settembre 2016. L’incremento è dovuto principalmente alla crescita registrata nel secondo e terzo trimestre (+5,3% aprile, +4% maggio e +5,3% giugno, +3,8% luglio, +4,3% agosto, +6,7% settembre).
Tale risultato è stato conseguito nonostante la restrizione dello spazio aereo libico, la situazione di riassetto di Alitalia e i problemi operativi riscontrati da alcune altre compagnie aeree nel terzo trimestre.
Il positivo andamento del traffico di rotta, ed in particolare di sorvolo (velivoli che attraversano lo spazio aereo nazionale senza atterrare o decollare su aeroporti italiani) cresciuto del 5% in termini di unità di servizio, è attribuibile anche all’implementazione di progetti innovativi realizzati da ENAV, grazie ai quali le compagnie aeree possono risparmiare carburante e ridurre le emissioni di CO2 pianificando la traiettoria e garantendosi percorsi più brevi.
Il traffico internazionale, con partenza o arrivo su uno scalo italiano, ha registrato un aumento del 2,3% delle unità di servizio. Anche la componente del traffico nazionale, cioè aerei che decollano e atterrano sul territorio nazionale, è cresciuta del 2,4% in termini di unità di servizio per effetto dell’aumento dei voli nazionali che percorrono distanze più lunghe, come ad esempio, il nord Italia con il sud e le isole. 
 
Il traffico di terminale (che riguarda le attività di decollo e atterraggio nel raggio di circa 20 km dalla pista) nei primi nove mesi del 2017 è cresciuto del 2,7% in termini di unità di servizio grazie al positivo andamento sugli aeroporti nazionali che hanno compensato la riduzione delle unità di servizio del 3,9% sull’aeroporto di Roma-Fiumicino.
 
ANDAMENTO ECONOMICO-FINANZIARIO
 
I ricavi totali consolidati al 30 settembre 2017 hanno raggiunto i 673,0 milioni di euro, in aumento dell’1,6% rispetto al 30 settembre 2016 principalmente per effetto della crescita dei ricavi da attività operativa.
 
I ricavi da attività operativa si attestano a 669,3 milioni di euro, registrando un incremento del 6,9% rispetto ai primi nove mesi del 2016. Tale risultato è legato principalmente alla crescita dei ricavi sui servizi di rotta e di terminale, in aumento rispettivamente del 4,8% e del 12,4%. Anche i ricavi da mercato terzo si attestano a 10,6 milioni di euro con un incremento del 18,5% rispetto al 30 settembre 2016, principalmente per effetto delle prestazioni svolte all’estero tra cui: i) la progettazione dello spazio aereo negli Emirati Arabi che ha generato ricavi per 2,6 milioni di euro; ii) la costruzione della torre di controllo e del blocco tecnico dell’aeroporto di Mitiga in Libia e la formazione di 60 controllori del traffico aereo libici, per 1,1 milioni di euro e iii) lo studio di procedure di volo strumentale e la progettazione dello spazio aereo in Marocco, che ha generato ricavi per 0,7 milioni di euro.
 
Il balance (il meccanismo che prevede per ENAV il recupero o la restituzione ai vettori degli effetti derivanti dallo scostamento tra il traffico aereo previsto nel piano tariffario e quello a consuntivo nonché il recupero dei costi e del traffico per i servizi erogati sugli aeroporti di terza fascia - meno di 70.000 movimenti annui) risulta negativo per 21,8 milioni di euro rispetto ad un balance positivo di 10,1 milioni di euro registrato nello stesso periodo dell’anno passato.
L’importo del balance è frutto del balance di rotta, sia di traffico che inflazione, positivo per un valore netto di 10 milioni di euro, e del balance di terminale, negativo per 13,8 milioni di euro. Quest’ultimo importo include l’impatto del balance di terza fascia, negativo per 11,2 milioni di euro, derivante dal maggiore traffico sviluppato nel periodo e dai minori costi sostenuti. In aggiunta all’importo netto di balance di rotta e del terminale pari a -3,8 milioni di euro, nei primi nove mesi dell’anno si è registrato un recupero di balance per 18,1 milioni di euro riferibile al riversamento in tariffa di  parte dei balance rilevati in esercizi precedenti.
 
I costi operativi si attestano a complessivi 442,5 milioni di euro in riduzione del 2,5% rispetto al terzo trimestre 2016. Il Gruppo ENAV prosegue nel suo percorso di efficientamento grazie ad interventi su tutte le principali componenti di costo ed all’ottimizzazione dei processi tra le società del Gruppo. Il costo del personale è stabile rispetto al 30 settembre 2016, con un lieve aumento della retribuzione variabile, che registra un incremento complessivo del 2,1% principalmente attribuibile allo straordinario   per l’implementazione di progetti operativi (tra i quali il Free Route) compensato dalla riduzione dell’organico di 42 unità medie rispetto allo stesso periodo del 2016. 
 
I costi operativi esterni si attestano a 108,7 milioni di euro, in diminuzione del 9,6% rispetto al terzo trimestre 2016; al netto dei costi per la privatizzazione sostenuti nei primi nove mesi del 2016 per 7,4 milioni di euro, la riduzione è del 3,6% rispetto all’anno precedente.
L’efficienza ha riguardato tutte le principali voci di costo tra cui quelle per l’acquisto di beni, i costi assicurativi, quelle per le prestazioni professionali ed i costi Eurocontrol.
 
La crescita dei ricavi, unitamente all’efficienza realizzata, hanno contribuito all’aumento del 10,8% del Margine Operativo Lordo (EBITDA), rispetto al 30 settembre 2016, che si attesta a 230,5 milioni di euro, con una crescita del margine EBITDA di quasi 3 punti percentuali al 34,2%.
 
Il Risultato Operativo (EBIT) consolidato nei primi nove mesi del 2017 raggiunge i 129 milioni di euro, in crescita del 20,1% rispetto al 30 settembre 2016, per effetto di minori  ammortamenti per 3,6 milioni di euro rispetto al corrispondente periodo dell’esercizio precedente, pari a 96,5 milioni di euro, e dell’impatto derivante dalla svalutazione di crediti, principalmente riferibili all’effetto temporale di presunto realizzo dell’incasso di due mesi di fatturato verso Alitalia antecedenti all’entrata nella procedura di amministrazione straordinaria il 2 maggio 2017, ad oggi non riscossi.

L’utile netto consolidato al 30 settembre 2017 si attesta a 89,6 milioni di euro in aumento del 27,3% rispetto ai 70,4 milioni di euro dello stesso periodo del 2016.
 
La posizione finanziaria netta al 30 settembre 2017 mostra un indebitamento netto pari a 157,4 milioni di euro in incremento rispetto al 31 dicembre 2016 di 57,3 milioni di euro, principalmente dovuto al pagamento del dividendo per 95,3 milioni di euro effettuato nel mese di maggio e al versamento di 16,9 milioni di euro per finalizzare l’acquisizione della quota di Aireon, la piattaforma per la sorveglianza aeronautica satellitare a copertura globale.

Guidance 2017
La Società conferma la guidance per il 2017 che vede i ricavi netti consolidati in crescita low-single digit, un margine EBITDA intorno al 30% ed investimenti annui pari a 115-120 milioni di euro. La Società conferma di poter indicare un dividendo per il 2018, relativo all’esercizio 2017, in crescita del 4% rispetto a quello pagato nel 2017, in linea con la dividend policy approvata e comunicata al mercato.


Il dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari, Loredana Bottiglieri, dichiara, ai sensi del comma 2 dell’art. 154-bis del Testo Unico della Finanza, che l’informativa contabile contenuta nel presente comunicato corrisponde alle risultanze documentali, ai libri e alle scritture contabili.


Si informa che il Resoconto intermedio di gestione al 30 settembre 2017 del Gruppo ENAV è a disposizione del pubblico presso la sede legale della Società - via Salaria 716, Roma – sul sito internet istituzionale (www.enav.it), nonché presso il meccanismo di stoccaggio autorizzato “1info” (www.1info.it).